PASSWORD RESET

Solo il meglio del Lazio

Rocca di Papa (RM)

2.33K 0
Rocca di Papa (RM)
Vota questo articolo

400px-ponte_milvio-side_view-antmoose.jpgRocca di Papa è un comune italiano di 15.159 abitanti, della provincia di Roma, situato nell’area dei Castelli Romani, in Lazio. Il comune fa parte della Comunità Montana Castelli Romani e Prenestini, ed ospita la sede del Parco Regionale dei Castelli Romani.

Anche se l’abitato moderno nacque solo nel Medioevo, il territorio rocchigiano era già stato abitato fin dal I millennio a.C.: Monte Cavo era infatti l’antico Mons Albanus sacro ai Latini, sulla cui vetta sorgeva il tempio di Giove Laziale, e alcuni storici[5][6] suppongono che sulla sponda orientale del Lago Albano, in buona parte ricadente in territorio rocchigiano, sorgesse la leggendaria capitale latina di Alba Longa.

Nel periodo medioevale, Rocca di Papa fu infeudata ai Conti di Tuscolo, agli Annibaldi, agli Orsini ed infine, tra il 1426 ed il 1870, ai Colonna. Nel 1855 i cittadini rocchigiani si resero protagonisti della proclamazione di una Repubblica di Rocca di Papa.

Nel corso dell’Ottocento e del Novecento, il paese ha assunto fama internazionale di luogo di villeggiatura rinomata a pochi chilometri da Roma, ospitando nomi altisonanti della politica e dello spettacolo. 2801922471_efcb9e51c6.jpg

La Storia:

Rocca di Papa, comune della provincia di Roma, situato a m. 765 s.l.m., giace lungo le pendici esterne nord occidentali del cratere dei Campi d’Annibale, al centro del gruppo montuoso del Vulcano Laziale.

Il territorio del comune di Rocca di Papa occupa un’area di circa 40,40 Kmq. e conta oltre 15.000 abitanti. 2454416883_b743ed3152.jpg
Rocca di Papa sorge sui luoghi che furono dell’antica Albalonga, dell’antico  collegio dei Sacerdotes Cabenses, addetti al culto di Giove Laziale e delle Virgines Arcis Albanae, dalle quali ebbero origine le Vestali, istituite a Roma da Numa Pompilio.
Sulle alture che formano il Monte Albano, che in seguito si chiamò Cavo (Cabum-Cavum), era posta “Cabum”, importante città del Latium Vetus, facente parte delle 30 città riunite nella Lega Latina.

In epoca medievale, la prima notizia è quella del “Castrum qui dicitur Monte Cabum”, nel quale si sarebbe rifugiato Papa Benedetto IX, espulso da Roma nel 1044. Nel 1090, con il nome di “Catrum Montis Albani”, è sotto controllo dei Conti Tuscolani. Poi passa sotto il dominio dei Frangipane con il nome di “Roccam de Monte Cavo”, per esser quindi assegnata  alla Chiesa ai tempi del Pontefice Eugenio III (1145-1152). Da questo Papa, che per primo soggiornò nella Rocca, dopo il suo ritorno  dalla Francia, deriva l’attuale nome di Rocca di Papa, come fanno fede i documenti del tempo “… roccam quam vocant de Papa …” “ … castrum Rocce de Papa… “
Nel 1184 se ne impadronì il Senato Romano ma fu recuperata da Papa Lucio  III che a tale scopo si servì dell’aiuto di Bertoldo di Kuensberg, legato a Federico Barbavilladelcardinalexv5.jpgrossa.
Dopo la distruzione di Tuscolo (1191) la Chiesa assume il controllo assoluto di Rocca di Papa, che per quasi tutto il secolo XIII rimane sotto la sua giurisdizione. Il “Castrum” subì una prima devastazione del 1255, quando in esecuzione di alcune sentenze di Pietro il Sumoroso, vicario di Carlo D’Angiò, fu consegnata nelle mani di Roma.

Già da allora il castello doveva appartenere agli Annibaldi, ma notizie sicure del loro dominio non si hanno prima della metà del secolo XIV. Nel 1328, quando Ludovico il Bavaro assediò la città, un presidio militare fu posto a guardia del Castello e si pensa che ciò abbia dato origine al nome di “Bavaresi” che ancora oggi  viene dato agli abitanti prossimi alla Rocca.
Sul finire del XIV secolo, Rocca di Papa fu degli Orsini, fin quando nel 1379 i Romani, dopo un lungo assedio, la conquistarono. Nel 1391 tornò agli Annibaldi che nel 1425 la vendettero ai Colonna.
Martino V, nella Bolla di divisione dei suoi beni tra i nipoti, assegnò a Prospero Colonna il “Castrum Roche papalis”. Da questo momento il Castello subì le alterne vicende dei feudi colonnesi.

senza-titolo-2.jpgNel 1541, nella controversia con Papa Paolo III, la famiglia dei Colonna perse tutti i suoi beni: l’insediamento stretto da assedio capitolò, e la fortezza fu completamente distrutta da Pier Luigi Farnese.

I Colonna alla morte di Paolo III recuperarono il loro feudo; lo persero varie volte  fino a quando, nel 1562, non lo restituì loro definitivamente il Papa Pio IV.
Nel 1577 un violento incendio distrusse quasi completamente l’abitato. Pochi anni dopo il cardinale Ascanio Colonna emanò i nuovi statuti.

Nei secoli successivi Rocca di Papa rimase sempre ai Colonna; fanno eccezione la parentesi francese,  il periodo di rinuncia alla giurisdizione baronale sopra i feudi dello Stato Romano da parte di Filippo Colonna nel 1816 e, infine, i giorni del 1855 in cui Rocca viene proclamata Repubblica dopo una sommossa popolare.

 

Contenuti estrapolati dalle pagine web: Wikipedia.orgComune di Rocca di PapaFlickr

Commenta / Leave a reply

Your email address will not be published.

NON TE LO PERDERE!

I milgiori posti dove mangiare a Roma.
Consigliato dagli amici Romani

Scopri i migliori ristoranti consigliati dai nostri amici romani e che hanno provato in prima persona 
Guarda la guida gratuita
close-link
Seguici, Clicca su mi piace


Sempre nuovi articoli su Roma, i Paesini e curiosità.
close-link