Come visitare Roma ed il Lazio. Guide, trucchi e consigli

Miniguida “I Ponti di Roma”: l’itinerario di…ferro e cemento armato!

2.61K 0
Miniguida “I Ponti di Roma”: l’itinerario di…ferro e cemento armato!
Vota questo articolo

Eponte_magliana_by_andrea_parisseccoci giunti al quarto appuntamento della Miniguida dedicata a “I Ponti di Roma”. Dopo avervi erudito circa l’Itinerario antichissimo, l’Itinerario antico ma non troppo e l’Itinerario moderno, oggi vi condurremo alla scoperta dell’Itinerario di ferro e cemento armato. Se vi proclamate paladini del postmodernismo e non siete fan di statue e capitelli, di marmi e decorazioni, questo percorso è perfetto per voi!

 

 

 

Partenza: Ponte Testaccio

Benché non sia costituito di cemento armato vero e proprio, questo ponte edificato fra il 1938 e il 1948 è stato inserito nel suddetto itinerario per due ragioni completamente dissonanti, entrambe collegate in qualche modo al cemento armato. Primo: fino agli anni Cinquanta fungeva da carreggiata del GRA. Secondo: si trova in prossimità di una diga destinata alla produzione di energia idroelettrica. E visto che le energie sostenibili rappresentano una valida alternativa al proliferare del cemento armato, abbiamo deciso di inserire il Ponte Testaccio in questo percorso.

 

1° Tappa: Ponte dell’Industria, o Ponte di Ferro ponte_di_ferro_by_sunshinecity

Si trova a meno di due chilometri dal Ponte Testaccio ed è risalente al 1863 (all’epoca veniva denominato Ponte di San Paolo). I Romani da sempre lo chiamano “Ponte di Ferro”, vista l’indubbia struttura ferrea che lo compone. Non è particolarmente agevole (è a doppio senso e ci si passa a malapena senza distruggersi vicendevolmente gli specchietti), ma tuttavia è collocato in un luogo pittoresco ed apprezzabile.

 

2° Tappa: Ponte Guglielmo Marconi

Ad un chilometro e mezzo dal Ponte dell’Industria, ecco a voi il bestione in cemento armato chiamato Ponte Marconi, progettato durante il Fascismo e completato nel Dopoguerra.

 

3° Tappa: Ponte della Magliana ponte_magliana_by_andrea_parisse

Proprio come il Ponte Guglielmo Marconi, il Ponte della Magliana è stato iniziato durante il Fascismo. Poi è stato quasi completamente distrutto dai nazisti, quindi terminato nel primissimo Dopoguerra. Di che materiale è fatto? Provate a indovinare! Ma perlomeno, qui il cemento armato è stato rivestito da elegante marmo travertino…

 

 

4° Tappa: Ponte di Tor di Quinto

Completamente fuori mano rispetto ai quattro ponti già presentati, il Ponte di Tor di Quinto si trova per l’appunto nel quartiere di Tor di Quinto, a Roma nord. Realizzato nel ’60 per via delle Olimpiadi di Roma, è costruito in cemento armato.

 

Ultima tappa: Ponte Pietro Nenni

Si trova sette chilometri a nord del Ponte di Tor di Quinto, e può vantare ben tre arcate in cemento armato. È stato costruito durante gli anni Settanta, e non si distingue certo per la sua bellezza.

Commenta

Your email address will not be published.

NON TE LO PERDERE!

I migliori posti dove mangiare a Roma.
Consigliato dagli amici Romani

Scopri i migliori ristoranti consigliati dai nostri amici romani e che hanno provato in prima persona 
Guarda la guida gratuita
close-link
Seguici, Clicca su mi piace


Sempre nuovi articoli su Roma, i Paesini e curiosità.
close-link