Come visitare Roma ed il Lazio. Guide, trucchi e consigli

Passeggiate non convenzionali: La Garbatella e le sue ex-case popolari

2.65K 0
Passeggiate non convenzionali: La Garbatella e le sue ex-case popolari
Vota questo articolo

Abitate a Roma, il figarbatella_by_federne settimana è arrivato, magari è anche primavera, ma voi non avete nessuna voglia di infilarvi sul GRA per raggiungere paesini e mercatini vari del Lazio? Bando a musei e mostre varie (che ovviamente nella Capitale non mancano!), oggi vi proponiamo un itinerario assolutamente non convenzionale.

 Stiamo parlando del quartiere Garbatella e delle sue fantastiche ex-case popolari, fra cui curiosare e rosicare nel vero senso della parola (chi vive a Roma lo sa benissimo: fra il caro affitti, il caro-vita e il car-o tutto, i prezzi della locazione nella Capitale sono perlopiù improponibili).

Il quartiere Garbatella infatti, con le sue case di mattoni rossi e le sue stradine che ricordano quelle di un paesino, può offrire passeggiate semplici ma splendide e suggestive, tra stupefacenti case arrivate oggi a quotazioni da centro storico, ma concepite in origine come alloggi popolari.

Il quartiere Garbatella si formò infatti nel periodo compreso fra gli anni Venti e Trenta, su iniziativa dell’Istituto Case Popolari, raggruppando gente sfollata, sfrattata e sbaraccata (nonché tantissimi operai che lavoravano nella zona, che all’epoca era industriale) in abitazioni pensate sul modello della città-giardino, ovvero alloggi con giardini e magnifiche piante e appezzamenti di terra coltivabile, il tutto arricchito da cortili e gli spazi collettivi di uso comune (per stendere i panni, far giocare i bambini ecc…)

Tutto molto diverso dall’orrenda edilizia popolare del post-boom economico, fatta di enormi casermoni grigiognoli, sperduti in zone pressoché disabitate! Ad oggi, il quartiere Garbatella è ancora un’oasi felice nel caos cittadino, uno spazio di tranquillità ed esempio  vivente della tanto agognata “vita a misura d’uomo”. Insomma, l’ideale per una passeggiata domenicale tranquilla, nonché per rosicare debitamente, pensando che magari il proprio quartiere non è così bello!

Una curiosità: il nome Garbatella fu scelto da popolo in memoria del passato campestre della zona, e per richiamare alla memoria il garbo femminile; fu così che questo nome prevalse sugli altri proposti, che erano Borgata Remuria i Borgata Concordia.

 

Commenta

Your email address will not be published.

NON TE LO PERDERE!

I migliori posti dove mangiare a Roma.
Consigliato dagli amici Romani

Scopri i migliori ristoranti consigliati dai nostri amici romani e che hanno provato in prima persona 
Guarda la guida gratuita
close-link
Seguici, Clicca su mi piace


Sempre nuovi articoli su Roma, i Paesini e curiosità.
close-link